Speciale Geoeconomia – ISPI

Speciale Geoeconomia – ISPI

Aggiornamento ISPI Global Watch (n.110 del 1/7/2022).

La settimana che si è appena conclusa è stata densa di vertici internazionali: al summit virtuale dei BRICS – che ha testimoniato il non totale isolamento della Russia – si è affiancato il summit G7 di Elmau, con l’impegno al rilancio degli investimenti infrastrutturali nei Paesi in via di sviluppo. E poi con il summit NATO di Madrid, che ha visto l’allargamento dell’Alleanza atlantica con l’ammissione di Finlandia e Svezia.

L’attualità

Nel frattempo Stati Uniti e (soprattutto) Europa rischiano di perdere un’importante partita geoeconomica: quella dell’auto elettrica, dove attualmente la Cina è in vantaggio grazie al controllo di filiere industriali chiave, dai minerali critici alle batterie.

Si parla di questo e di tanto altro nell’ISPI Global Watch, dedicato alla geoeconomia del mondo che verrà. Con un’analisi di come le crescenti pratiche di reshoring potrebbero avere un impatto anche sulla transizione energetica, grazie alla rilocalizzazione di investimenti “green”. Transizione che però va affrontata con spirito pragmatico, senza perdere di vista le esigenze energetiche di breve periodo.

Un approccio prudente richiesto anche dall’altra grande transizione, quella digitale: ad esempio il “Web3” promette di rivoluzionare Internet, ma una scarsa regolamentazione delle nuove applicazioni tecnologiche potrebbe replicare fenomeni di distorsioni e concentrazioni di mercato.

I Focus

La pubblicazione odierna dedica un ampio passaggio anche alla crisi del gas. A giugno, i flussi di gas russo verso l’Europa si sono ridotti del 75% rispetto all’anno scorso. Malgrado questi tagli,  l’Italia ha sinora resistito bene: fino a maggio, infatti, le importazioni totali non erano diminuite rispetto al 2021. Ma con giugno, e un ulteriore calo delle forniture russe, le cose iniziano a farsi più complicate. E potenzialmente molto critiche.

Per maggiori approfondimenti visita la pubblicazione di ISPI Global Watch n.110 del 1/7//2022.

Per consigli e opportunità sui mercati internazionali, contattaci al Desk FarExport, per un primo orientamento al mercato o per altre informazioni specifiche (tel. 0444 232500 – email: info@farexport.it).

Lascia un commento

Your email address will not be published.