Mercati e settori promettenti nel 2019

Mercati e settori promettenti nel 2019

La debolezza che ha caratterizzato i Mercati Emergenti nel corso del 2018 potrebbe presto svanire: secondo i dati più accreditati, infatti, i ME nel 2019 potrebbero tornare a performance più che positive. Molto dipenderà tuttavia dall’evoluzione delle schermaglie commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Tra i Paesi dove investire con maggior sicurezza  figurano Brasile, Thailandia, Indonesia, India, Perù e Polonia. Quelli meno promettenti, invece, sembrano essere Messico, Filippine, Colombia, Grecia ed Emirati Arabi Uniti.

In termini di migliori opportunità commerciali per gli esportatori, poi, figurano Bulgaria, Vietnam, Indonesia, Marocco e Perù, dove il maggiore potenziale di crescita dovrebbe arrivare dai beni di consumo durevoli, i generi alimentari, le costruzioni e le infrastrutture.

In particolare, la Bulgaria vedrà crescere la domanda di alimenti e bevande, oltre al settore chimico e meccanico, che beneficiano delle sovvenzioni dell’Unione Europea e del sostegno del governo locale. Anche il settore agricolo registrerà una crescita della produzione, incentivando la domanda d’importazione di fertilizzanti dall’estero.

Nel Sud-Est asiatico, sarà il  Vietnam a veder salire le domande interne, specie nei settori del tessile, di alimenti e bevande e nel settore chimico, in particolare per il segmento carburanti. La domanda alimentare è motore di crescita anche in Indonesia, dove le prospettive aumentano anche nelle infrastrutture e nel settore dei macchinari.

In America Latina, importanti opportunità sono attese dall’industria primaria del Perù (pesca, idrocarburi, comparto minerario costruzioni e grandi opere), grazie ad un rafforzato mercato interno e alla crescita della fiducia dei consumatori.

Infine tra i Paesi MENA, il Marocco è in corsa con una previsione di crescita del PIL del + 3,3% nel 2019, ed è pronto ad offrire buone opportunità per l’export nel settore manifatturiero, in particolare nel comparto dell’industria automobilistica.  A sostenere la buona performance del Paese anche il settore del turismo, grazie all’alto livello delle infrastrutture, e quello dell’energia rinnovabile.

Lascia un commento

Your email address will not be published.