Mercati prioritari: Confindustria rende noti gli esiti dell’indagine nazionale

Mercati prioritari: Confindustria rende noti gli esiti dell’indagine nazionale

Si è conclusa l‘indagine annuale di Confindustria per l’identificazione dei paesi prioritari verso cui concentrare le attività commerciali per il prossimo anno. All’indagine hanno partecipato 83 associazioni, per un totale di circa 75.000 imprese rappresentate

Rimangono confermati ai primi posti Stati Uniti, Cina e Russia, mentre tra i 15 paesi prioritari resistono Giappone, India, Polonia, EAU, Brasile, Canada, Messico, Marocco e Corea del Sud. Tra questi, rispetto al 2019, avanzano il Giappone e l’India, ma retrocedono EAU e Marocco. Inoltre fa il suo ingresso il Vietnam, che entra tra i primi 15 sostituendo – nell’area ASEAN – la Thailandia, sulla spinta della firma dell’accordo di libero scambio UE-Vietnam. Dalla stessa classifica dei primi 15 mercati prioritari, spariscono, invece, Iran e Turchia.

In Europa, Germania e Francia sono ancora i mercati strategici, soprattutto per le attività fieristiche, le iniziative di incoming e quelle con la GDO.

Nell’area dell’Africa Sub-sahariana cresce l’interesse per Kenya, Nigeria e Mozambico.

Dalle associazioni nazionali e di categoria arrivano segnali forti di interesse per l’export di prodotti e/o servizi (55%) mentre viene dichiarata  minor propensione per le attività di produzione all’estero (il 17%) e la realizzazione di progetti infrastrutturali/energetici (12%).

Alleghiamo di seguito la classifica paesi.

immagine paesi

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.