Gli stage di FarExport continuano anche da remoto

Gli stage di FarExport continuano anche da remoto

Stage con FarExport

Il valore di un’esperienza in azienda, anche da remoto

In quest’anno difficile sono stati innumerevoli i cambiamenti e le novità con cui ci siamo dovuti confrontare: smartworking, didattica a distanza, restrizioni agli spostamenti. Anche le modalità di stage si sono dovute adattare al nuovo contesto. Ma il momento più pratico, immersivo e operativo della formazione si può davvero tenere a distanza?

L’abbiamo chiesto a Umberto, uno dei laureandi del dipartimento di economia dell’Università di Verona che ha partecipato in autunno a FarExport Junior Assistant. Il progetto di stage di FarExport prevede:

  • da parte dell’azienda: la definizione di un obiettivo specifico di sviluppo export per lo stage;
  • da parte di FarExport: la formazione degli stagisti per lavorare in modo autonomo su progetti di sviluppo export e il supporto e la condivisione di strumenti con i ragazzi per tutto il periodo di stage;
  • da parte dello stagista: l’impegno a portare in azienda tutti gli strumenti e le pratiche acquisite grazie all’Università e alla formazione specifica di FarExport, in modo da raggiungere gli obiettivi determinati dall’azienda all’inizio del percorso

Anche grazie alla presenza di obiettivi specifici e di un chiaro programma di attività, per gli studenti è stato possibile lavorare in modo autonomo ma allo stesso tempo arricchito da feedback e consigli.

Un’esperienza altamente formativa e professionalizzante

Ecco le parole di Umberto:

“Per uno studente di economia lo svolgimento di un tirocinio curriculare in azienda rappresenta da un lato il culmine della carriera accademica e dall’altro pone le fondamenta per costruire la carriera professionale.

Mettersi a confronto con una realtà aziendale di qualsiasi tipo permette di comprendere il funzionamento reale del meccanismo di un’impresa e allo stesso tempo di inserirsi nei suoi ingranaggi.

L’opportunità che mi è stata offerta tramite il progetto FarExport Junior Assistant è stata quella di confrontarmi con un’azienda operante nel settore della meccanica, di grandi dimensioni e di respiro internazionale.

L’elemento che ha contraddistinto in modo particolarmente positivo la mia esperienza è stata la possibilità di lavorare al fianco di grandi figure professionali. Ritengo sia importante sottolineare “al fianco”. Infatti, a fronte del mio percorso universitario, il metodo “Esportare in 7 mosse”, che ci è stato proposto e spiegato in un percorso di orientamento dal Dottor Pier Paolo Galbusera e dalla Dottoressa Lara Pressanto, mi ha fornito gli strumenti per svolgere in maniera indipendente un’attività di orientamento per l’azienda. Seguendo le linee guida forniteci, ho potuto elaborare con un approccio step by step un’analisi dei mercati e dei prospect partner in maniera autonoma, con la possibilità di correggere la direzione del lavoro grazie a continui feedback da parte dell’azienda e di FarExport.

Inoltre, il fatto che il progetto sia per sua natura strutturato in varie fasi mi ha consentito di svolgerlo agevolmente in modalità a distanza. Di fatto il concetto di smartworking si fonda sul presupposto che il lavoro possa essere suddiviso in varie fasi e obiettivi. Lavorare da remoto e in autonomia non ha posto quindi nessun ostacolo per la finalizzazione del lavoro e non ne ha inficiato la funzione didattica.

Considero quest’esperienza altamente formativa e professionalizzante per chiunque voglia approcciarsi al mondo dell’export management e dell’analisi dei mercati.

Il progetto continua

Certo, per il futuro tutti ci auguriamo che durante gli stage si possa tornare a “respirare l’aria dell’azienda”, toccare con mano e vedere con i propri occhi il clima degli uffici, il rapporto tra colleghi e manager. Nel frattempo abbiamo però capito che

le restrizioni non possono e non devono limitare anche la nostra voglia di imparare, crescere e fare nuove esperienze, pure se in modo meno tradizionale.

Per questo il progetto FarExport Junior Assistant continua, anche da remoto: continuiamo ad aspettare la candidatura di nuove aziende e nuovi laureandi che abbiano voglia di crescere e far crescere.

Per avere tutte le informazioni puoi chiamarci allo 0444 23 25 00 o scriverci a info@farexport.it

Lascia un commento

Your email address will not be published.