Delegazione di imprenditori in visita dall’Etiopia

Delegazione di imprenditori in visita dall’Etiopia

Una delegazione di imprenditori dall’Etiopia – cappeggiata da Heyeru Hussien, coordinatore del progetto GEM (Greening Ethiopian Manufacturing) – è arrivata ieri (ndr, giovedì 23 gennaio) in visita alla nostra provincia ed in Confindustria Vicenza allo scopo di conoscere da vicino principalmente le “buone pratiche” delle aziende operanti nel Distretto della Pelle ed in parte anche qualche realtà tessile ed orafa.

Alle visite in azienda (citiamo tra le altre Pianegonda) la delegazione ha aggiunto anche una tappa istituzionale presso la sede di Confindustria Vicenza, dove FarExport ha avuto modo di presentare le attività dell’associazione in termini di servizi e sostegno alle aziende, unitamente ad un excursus socio-culturale sul territorio berico dove le nostre imprese sorgono e lavorano.

Un incontro che si è dimostrato di grande soddisfazione per i componenti della delegazione, colpiti da un lato dall’efficienza della realtà economica che hanno conosciuto e affascinati dall’altro dalla bellezza e dalla storia che si respira in città.

D’altra parte è da qualche anno che si sta muovendo l’interesse in incontri bilaterali con il paese subsahariano, non a caso citato, nel Rapporto 2018 della Banca Mondiale, come principale potenza economica dell’Africa orientale, 2^ soltanto al Ghana.

L’Etiopia rimane un partner prioritario dell’Italia e dell’Unione Europea in Africa sub-sahariana, un punto di riferimento essenziale per la stabilità di una regione che ha rapporti di lungo corso con il nostro Paese e che riveste oggi un ruolo cruciale per la sicurezza internazionale.

Ma, al di là delle ragioni storiche e geopolitiche che giustificano intensi rapporti bilaterali, vi sono oggi concreti interessi economici per l’Italia in Etiopia. Si tratta di un’economia in rapida crescita, sostenuta anche dall’aumento dei prezzi delle materie prime.

I dati Istat evidenziano un flusso export da Vicenza verso il Paese africano di 12.12 mln di euro nel 2018 (su un totale di 51.95 da tutto il Veneto) contro un export etiope verso Vicenza di 1.75 mln di euro (estratti dai 12.75 in tutto il Veneto).

Energia, infrastrutture ed industria manifatturiera sono i settori portanti dell’Etiopia che è divenuto anche soggetto trainante dell’Unione Africana, con sede proprio nella capitale Addis Abeba.

Resta peraltro da sciogliere il nodo di un settore privato ancora relativamente debole e che molto potrebbe beneficiare da maggiori interazioni con le imprese italiane.

Su questo i capi delegazione hanno molto insistito, sottolineando a gran voce il desiderio di proporsi come partner commerciali affidabili ed in espansione ed economici in termini di mano d’opera.
L’interscambio commerciale, ancora al di sotto delle reali potenzialità, è cresciuto costantemente negli anni. L’Italia è il 9° cliente e 5° fornitore a livello mondiale; il 2° partner commerciale, 1° fornitore e 3° cliente a livello europeo. Per quanto riguarda le importazioni, esse si concentrano, per circa i due terzi, nel settore agricolo (caffè, semi oleaginosi e altri prodotti di colture permanenti) e per il restante terzo nelle produzioni conciarie e tessili.

Lascia un commento

Your email address will not be published.